Calcio, Eccellenza

Osimana a Cingoli. Ricorso affidato all'avvocato Grassani

Col Montefano domenica allo Spivach a porte chiuse. Intanto il club punta ad uno dei maggiori esperti di diritto sportivo per ridimensionare la sanzione post Coppa

01 Marzo 2024

di Giacomo Quattrini

Giacomo Quattrini

  • I tifosi giallorossi e il guardalinee preso di mira a Massa Martana

    I tifosi giallorossi e il guardalinee preso di mira a Massa Martana

    OSIMO – Osimana – Montefano di domenica prossima si giocherà allo stadio Spivach di Cingoli, ovviamente a porte chiuse come disposto dal Giudice sportivo. La notizia è stata confermata in tardo pomeriggio dopo ore di tensione e apprensione in casa giallorossa. Trovare una sede non è stato per niente facile. La Questura di Ancona chiedeva uno stadio fuori provincia per far desistere i tifosi dal seguire la squadra. La Questura di Macerata però ha posto il problema dei rapporti fin troppo tesi tra ultras osimani e maceratesi, paventando il rischio di bissare gli incidenti di inizio dicembre. Alla fine, la mediazione ha portato le autorità a individuare a Cingoli la sede opportuna, fuori provincia ma abbastanza lontano da Macerata.

    Intanto la società ha affidato l’incarico di fare ricorso contro la sentenza pesantissima del giudice sportivo, che avevamo riportato ieri qui, ad un avvocato di assoluto spesso come Mattia Grassani, noto alle cronache sportive nazionali per aver difeso tanti club anche di serie A, come Napoli, Fiorentina e Atalanta. Sarà lui a dover trovare il modo di limitare i danni ridimensionando la decisione del giudice sportivo di primo grado, riducendo i 18 mesi di chiusura del Diana e magari consentendo alla squadra di poter giocare a porte chiuse almeno ad Osimo senza sobbarcarsi spese per l’affitto di altri campi.

    PARTNER

    Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet