polemica lavori

Caos lavori a Piazza Dante: il Sindaco chiede “risarcimento” al Campana

Il cantiere durerà almeno fino al 31 dicembre. Disagi per residenti e commercianti. Pugnaloni sollecita la Presidente Gilberta Giacchetti a prevedere misure di ristoro

17 Febbraio 2024

    OSIMO - Il cantiere per recuperare Palazzo Campana, ora esteso anche a piazza Dante, durerà almeno fino al 31 dicembre prossimo. Si prevedono mesi difficili per i residenti e i commercianti del centro storico, alle prese con la riduzione dei parcheggi, ma anche per le casse della Osimo Servizi che li gestisce e che prevede mancati introiti per oltre 50 mila euro.

    A lanciare l’allarme il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni. «I disagi che creerà l’occupazione del suolo pubblico saranno notevoli, sia per i commercianti della zona di piazza Dante e corso Mazzini sia per le casse di Osimo Servizi – spiega il sindaco –. Il cantiere in piazza Sant’Agostino avviato a novembre e ancora in corso ha tolto infatti dalla disponibilità pubblica una ventina di posti auto. Ancora peggio sarà la situazione in piazza Dante, sia perché baricentrica e destinata a tutti con l’alta rotazione sia perché i posti occupati dal cantiere sono 19, la metà di quelli presenti».

    I lavori sono stati commissionati dall’Istituto Campana, che ha ottenuto un finanziamento di circa 8 milioni di euro dall'Ufficio Speciale della Ricostruzione «Siamo riusciti ad evitare che il cantiere partisse in estate e nel periodo natalizio – spiega Pugnaloni – ma procrastinare ancora non era possibile». Ora però il sindaco chiede al Campana di prevedere delle forme di indennizzo. «All’interno dei milioni di euro che l’istituto ha ottenuto per il recupero di Palazzo Campana, il Comune chiede di prevedere una somma di ristoro sia per la Osimo Servizi che per i commercianti – spiega Pugnaloni –. Sarebbe utile organizzare un incontro con l’amministrazione comunale come mediatore tra le parti coinvolte (Campana, Osimo Servizi e commercianti), per individuare un budget e le modalità più opportune per far fronte a questo problema che graverà per i diversi mesi su quella zona del centro storico. D’altronde la stessa Presidente Giacchetti e le sue Liste civiche la scorsa estate chiesero al Comune a più riprese, anche polemizzando, di indennizzare i commercianti di San Marco per i lavori ai Tre Archi. La nostra amministrazione, ascoltati gli operatori economici, emise un bando per dare contributi a ristoro dei disagi dovuti al cambio di viabilità. Ora, per coerenza, ci attendiamo la stessa sensibilità».

    PARTNER

    Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet