Scienza e territorio

Oltre i confini del mondo conosciuto per esplorare nuove opportunità

Lunedì, 02 Maggio 2022

Oltre i confini del mondo conosciuto per esplorare nuove opportunità
Vale nell’immaginario dell’esplorazione spaziale, ma vale in ogni campo della scienza, della ricerca e dell’attività umana: si cerca di capire e di conoscere, di allargare i propri orizzonti, di andare avanti, di “progredire”, anche in termini di miglioramento della qualità della vita, di sviluppo tecnologico, sociale ed umano.
L’aerospazio oggi rimanda all’immagine della nostra astronauta Samantha Cristoforetti, un modello, un esempio di capacità, determinazione, impegno, passione, volontà. Una donna che - davvero - fa onore all’Italia nel mondo.
Di Samantha Cristoforetti vorrei evidenziare la profonda umanità e le sue narrazioni del senso dell’agire umano e del senso della vita. Tra le altre osservazioni, anche di grande forza poetica, nel suo libro “Diario di una apprendista astronauta” in un punto dice, in modo quasi evocativo se riportato alla fase storica che stiamo vivendo: “Il pensiero che laggiù, aggrappati a quel piccolo pianeta sospeso nel vuoto galattico ci sono sette miliardi di formichine, oltre che tante altre forme di vita, che non riescono a trovare un equilibrio e vivere in pace”. Una considerazione che oggi ci può far molto riflettere.
Tornando all’argomento della notizia della sua seconda missione sulla Stazione Spaziale Internazionale, queste occasioni vanno colte proprio per allargare il nostro campo visivo e mentale, per riflettere sull’importanza di quello che sta facendo la nostra astronauta e quali sono gli obiettivi e gli esperimenti che, in quell’avamposto dell’umanità, vengono svolti in ogni campo del sapere umano, anche attraverso l’attività di osservazione della terra.
Ad Osimo, con il progetto OsimoLab, stiamo realizzando una serie di azioni proprio volte a diffondere e approfondire la conoscenza della scienza in generale, e dell’aerospazio in particolare, a beneficio dell’umanità. Aderendo alla World Space Week dell’ONU (4-10 ottobre), abbiamo realizzato tre edizioni della Settimana dello Spazio (2019-2020-2021), con la partecipazione di grandissime personalità, astronauti, scienziati, esperti di settore, rettori, imprenditori, manager, nonché amministratori delegati delle maggiori aziende italiane di settore, proprio per divulgare e far comprendere come le scienze spaziali contribuiscano allo sviluppo della società.
Tra queste, ad esempio, la raccolta di dati satellitari necessari al monitoraggio di fenomeni legati all’atmosfera, all’ambiente marino, al territorio, all’agricoltura, con l’obiettivo di proporre azioni su cambiamenti climatici, gestione emergenze, sicurezza, telecomunicazioni ed altro ancora. Altrettanto importanti sono le ricadute sulla tecnologia a terra, il cosiddetto downstream, in termini di conoscenze e scoperte ed innovazioni, che trovano poi applicazione nella nostra vita quotidiana, dai cellulari al campo biomedico.
Ed un altro nostro obiettivo è rendere consapevoli i cittadini del ruolo delle scienze spaziali nello sviluppo sostenibile del pianeta e delle prospettive che aprono alle nuove generazioni. Abbiamo quindi iniziato questa azione a partire dai più piccoli, utilizzando un kit di cubi cartonati riferiti ai 17 Obiettivi ONU per lo Sviluppo Sostenibile, in un tour eco-creativo nelle scuole di ogni ordine e grado di Osimo, spiegando il contributo trasversale della scienza per il loro raggiungimento. Perché nella scuola si acquisisce la conoscenza e si forma la consapevolezza, la coscienza collettiva di principi e valori importanti per il bene comune.

PARTNER

Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet